Clicky

L’incubazione della malattia è generalmente di qualche mese e, solo nel 15/20%, compaiono sintomi quali malessere, febbricola, nausea-vomito e la comparsa di ittero (colorazione giallastra della pelle e degli occhi). Ma il 10 % dei casi può evolvere purtroppo in epatite cronica e a lungo termine portare alla distruzione del fegato e al cancro in seguito a cirrosi epatica. L’incubazione della malattia è generalmente di qualche mese e, solo nel 15/20%, compaiono sintomi quali malessere, febbricola, nausea-vomito e la comparsa di ittero (colorazione giallastra della pelle e degli occhi). In realta, gli adulti che hanno contratto HIV possono sembrare sani per anni prima che si ammalino di AIDS. Quando le vesciche si rompono rimangono delle piaghe aperte dolorose che sviluppano una membrana giallastra prima di guarire. la confezione è scaduta; la confezione non è stata ben conservata, è danneggiata; la confezione è stata strappata con i denti o con un oggetto tagliente; il preservativo è stato prima srotolato e poi infilato come un calzino; sono stati utilizzati preservativi troppo grandi o troppo piccoli; sono stati utilizzati i lubrificanti sbagliati; ritirando il pene, il preservativo non è stato trattenuto; lo stesso preservativo è stato utilizzato più volte. Tra le infezioni più frequenti vi sono le faringiti e le broncopolmoniti (Streptococchi, Stafilococchi), le gastroenteriti (Salmonella, Tifo), le cistiti (Escherichia Coli, Klebsiella), le meningiti e la Tubercolosi.

Circa il 20% dei neonati di madri non curate negli Stati Uniti acquisiranno l’infezioni HIV; le percentuali di trasmissione sono più alte in alcune parti del mondo. Se la donna è mestruata, anche per il maschio il rischio è altissimo. So che il bacio non è generalmente considerato una pratica a rischio Hiv, ma il fatto è che io avevo un Herpes abbastanza voluminoso quasi al centro del labbro superiore, in parte visibile in parte no. Causata dal batterio Treponema pallidum, è una malattia complessa che, se non viene curata, può portare a complicazioni molto serie. Quando si presenta un contatto diretto e profondo tra due ferite aperte e sanguinanti o a seguito di un’immissione in vena di sangue infetto (ad esempio scambio di siringhe). Guarda il cavo orale,contrariamente a quanto si pensi,dal punto di vista dell’igiene,e’il posto meno pulito di un individuo.Spesso trovi agenti saprofiti e puoi incappare in agenti virali come l’herpes.Pero’prima di buttarla sul personale,direi che il bacio,tra i comportamenti a vocazione relazionale e sessuale,e’l’evento meno significativo possibile dal punto di vista dell’esposizione.Francamente e’inutile elaborare il rischio di epatite B,sifilide,herpes..perche’son valutazioni che lasciano il tempo che trovano.Nel concreto,l’unico vero rischio che hai e’la mononucleosi.Che e’un’ipotesi possibile che il tuo stesso organismo e’in grado di debellare.La saliva…..nn trasmette l’hiv,ne’l’hcv ed e’un fattore di riserva per l’hbv…in presenza pero’di lesioni,sia chiaro.Nel complesso nn hai fatto una cazz..ata,goditi il bacio che hai dato e la prossima volta bacia appassionatamente chi desideri.Non e’successo niente di particolare.Attendi il medico,ma..conoscendo il dott.Baldasso sapra’sicuramente trovare il giusto mezzo tra teoria e prassi concreta.Ciao.. Nel corso delle sedute riesce a tollerare ed elaborare il pensiero che l’impulso a tratti incontrollabile non tanto di ferirsi, ma di riaprire le ferite, per farle guarire alla perfezione e completamente, senza dolore, rappresenta simbolicamente il tentativo di cancellare e guarire senza più dolore il ricordo degli abusi.

). Rapporti a rischio sono tutti quelli nei quali anche un partner stabile ha, o può aver avuto, rapporti a rischio. I baci non sono pericolosi. Va detto inoltre che circa il 50% delle persone infette da papilloma virus (uomini e donne) non sviluppano mai le verruche genitali, ma sono comunque in grado di trasmettere il virus dell’ Hpv agli altri. La cosa fondamentale da capire è che nessuno sa se l’infezione si trasmette con il rapporto n° 1 oppure con il rapporto n° 999 dunque OGNI SINGOLO rapporto è a rischio e proprio per questo le regole del sesso più sicuro si debbono applicare SEMPRE. Anticorpo: Proteina complessa in grado di riconoscere sostanze estranee all’organismo, facilitandone l’eliminazione. In linea teorica puoi contrare anche l’HIV, ma devi essere sfigato forte.

L’antibiotico resistenza si sviluppa con facilità in ambiente ospedaliero ed è notevolmente aumentata negli ultimi decenni in seguito ad eccessivo ed improprio utilizzo degli antibiotici nella popolazione. In seguito compaiono le croste che spariranno in pochi giorni. Sono un pazzo. Non capiteranno più esperienze come queste. Il tuo non lo definirei un comportamento a rischio, lo sarebbe stato se avessi avuto rapporti sessuali di qualunque tipo (anche orali) senza il preservativo. Ciao faby, veramente grazie per la tua risposta. Ciao sono Sergio, il Dottore volontario della Lila che dava una mano al forum dice che il test a 3 mesi è definitivo (soprattutto perchè i test di adesso sono molto + precisi di quelli di un tempo).

Io ho avuto tanti anni fa l’epatite b ma non ho avuto ne’ urine scure ne’ feci chiare, soltanto un forte malessere generalizzato e stanchezza, tutto qui!